Il Perugino
Mostre
Luoghi
Itinerari
Perugino.edu
Biglietteria
InformazioniNewsStampaHomecontattaci




entra



Perugino il divin pittore
La fortuna e il mito
Perugino e la miniatura umbra del Rinascimento
Perugino e il paesaggio
La ceramica umbra al tempo del Perugino
Perugino pittore devozionale
Iniziative collaterali
 
 
 Iniziative collaterali

Il vino, l’olio, la terra.
Dal territorio alla tavola nell’età del Perugino

Museo del Vino – Torgiano
28 febbraio – 18 luglio

Il legame esistente tra il territorio e la tavola è il tema della mostra realizzata dalla Fondazione Lungarotti in occasione delle manifestazioni in onore di Pietro Vannucci, detto il Perugino.
Realizzata in collaborazione con la Galleria Nazionale dell’Umbria e con la curatela scientifica di Alberto Grohmann, la mostra documenta come le sostanziali trasformazioni che avvengono, sul piano politico, sociale ed economico nello stato di Perugia tra Quattrocento e Cinquecento, si ripercuotano sia nella organizzazione della campagna sia nella conformazione sociale e urbanistica della città.

In campagna si verifica una riorganizzazione produttiva della terra, interessata da opere di risanamento e dalla introduzione di innovativi e più redditizi sistemi di gestione che trasformano profondamente il paesaggio agrario. Le famiglie nobili che risiedono in città, come pure gli enti ecclesiastici, compiono grandi investimenti fondiari testimoniati, nel percorso espositivo, dai preziosi catasti miniati e dai voluminosi registri notarili provenienti dall’Archivio di Stato di Perugia, oltre che dall’ampia presenza di mappe acquerellate dell’Archivio Storico di San Pietro di Perugia.

In città si assiste ad una progressiva nobilizzazione della società e ad un sempre maggiore coinvolgimento degli esponenti delle famiglie di antica e recente nobiltà nella struttura corporativa di arti e mestieri, con il conseguente controllo della economia e della politica cittadine. Le raffinatissime matricole delle corporazioni perugine messe a disposizione dalla Biblioteca Augusta documentano tale fenomeno che trova conferma nel desiderio di lusso e di autorappresentazione diffuso presso la nuova classe nobiliare e si manifesta con le grandi committenze d’arte e, nel quotidiano, con l’adozione di costumi fastosi.

In una società sempre più attenta alle esigenze della autorappresentazione, il momento del convivio assume particolare importanza: la tavola, vestita di raffinate tovaglie ed imbandita con preziose ceramiche, bronzi e argenti finemente decorati, vetri di delicatissima fattura, viene dotata di piatti da parata, corredi per il vino, posaterie, lucerne ed altre suppellettili realizzate in materiali pregiati. Allo scopo di incrementare l’igiene della mensa e dei suoi convitati le sale destinate al convivio si arricchiscono di acquamanili e rinfrescatoi. Sulla tavola trionfano complesse architetture di zucchero, massima espressione della cultura dell’effimero che il convivio porta in scena.

Articolata in tre sezioni principali (Il rinnovarsi del mondo della terra – Una città che cambia volto – La tavola), la mostra prende avvio da un ampio apparato di documenti d’archivio e trattatistica coeva, oltre che da un contratto autografo di Perugino che richiede, a titolo di pagamento per la realizzazione di una opera d’arte, prodotti agroalimentari del territorio.
Si sviluppa poi nella esposizione di tovaglie, vasellame e arredi da tavola coevi, provenienti dalle collezioni del Museo del Vino della Fondazione Lungarotti, dal Museo Nazionale del Bargello, dalla Galleria Nazionale dell’Umbria. Ricomposti in due tavolate, illustrano quali fossero i prodotti, i consumi, l’economia e il gusto della tavola povera e della tavola nobiliare all’età del Perugino.
 
Il vino, l’olio, la terra. Dal territorio alla tavola nell’età del Perugino
Torgiano, Museo del Vino, 28 febbraio –18 luglio 2004

Ideazione e coordinamento: Maria Grazia Marchetti Lungarotti

Progetto e coordinamento scientifico: Alberto Grohmann

Comitato scientifico: Francesca Abbozzo, Maria Luciana Buseghin, Clara Cutini, Vittoria Garibaldi, Alberto Grohmann, Maria Grazia Marchetti Lungarotti, Sonia Merli, Anna Mori, Claudia Parmeggiani, Oretta Zanini

Orari di apertura: lun-dom: 9-13; 15-18
Ingresso a pagamento

Iniziative didattiche:
- visite guidate su prenotazione
- A tavola con Perugino… I sabati del Museo del Vino
Tutti i sabati, ore 10,30 visita guidata alla mostra e al museo
- Dal divin pittore al vino santo…
Lunedì 12 aprile visita guidata alla mostra e degustazione di cialde e vino santo intorno al camino

Prenotazioni e info:  Inartem s.a.s. servizi culturali
Museo del Vino: tel. 075 9880200 – fax 075 9880300
   
museovino@lungarotti.it - inartem01@tin.it

Sito internet:   www.lungarotti.it - www.perugino.net