Il Perugino
Mostre
Luoghi
Itinerari
Perugino.edu
Biglietteria
InformazioniNewsStampaHomecontattaci




entra



Perugia
Cerqueto
Deruta
Corciano
Panicale
Città della Pieve
Assisi
Bettona
Spello
Foligno
Trevi
Montefalco
Fontignano
 
 
 Città della Pieve --> Duomo

Vergine in gloria e Santi Gervasio, Pietro, Paolo e Protasio

 La pala fu commissionata a Pietro Perugino dai canonici del Duomo intitolato ai Santi Gervasio e Protasio, per l’altare maggiore della chiesa. Nel contratto stipulato il 14 aprile 1507 il pittore si impegnava a dipingere una pala raffigurante al centro la Vergine sedente col Bimbo, affiancata dai Santi patroni della cittadina e con in alto un Dio padre; ne era prevista la consegna nel termine di un anno per un compenso di 130 fiorini, restando a totale carico del pittore tutte le spese. Perugino non rispettò gli accordi e la pala fu ultimata soltanto sette anni dopo, nel 1514, come recita una scritta dipinta sul muro di fondo: “PETRUS CHRISTOFERI VANNUTII DE CASTRO PLEBIS PINXIT. MD.XIIII”. Neppure la disposizione delle figure seguì alla lettera le clausole del contratto, forse a casa delle difficoltà dei canonici a reperire i denari necessari per il compenso del pittore, che non ricevé quanto pattuito.

Battesimo di Cristo

La cappella di S. Giovanni Battista nel Duomo fu costruita grazie ad un lascito di Nicola di Valente Porchetti, che le destinò 50 fiorini nel testamento del 13 ottobre 1495. Entro il 7 maggio 1510 la costruzione era certamente compiuta, in quanto vi fu rogato un atto, ed è probabile che anche la pala dell’altare fosse già al suo posto. Pietro Perugino dipinse più volte la storia del Battesimo di Cristo sul Giordano, replicando in forma semplificata la grandiosa composizione ideata per la Cappella Sistina a Roma. Il confronto con il Battesimo della Nunziatella di Foligno ne colloca l’esecuzione nella seconda metà del primo decennio del ‘500.